Hotel a Misano Adriatico

  • IT

Cenni Storici

Misano Ieri

I reperti archeologici che in varie epoche, ma particolarmente negli ultimi decenni, sono venuti alla luce nel nostro territorio, dimostrano senza ombra di dubbio l’origine romana di Misano.

La denominazione base deriverebbe da una delle numerose famiglie trasferitesi dal Lazio nel contado riminese (ager ariminensis) nel 3° secolo a.C. Dovrebbe trattarsi di una certa “Gens Mesia” che, per meriti militari od altro, riuscì ad ottenere vaste terre nella nostra zona. Era nella tradizione di Roma premiare in questo modo i veterani di guerra o chiunque altro avesse reso notevoli servizi alla patria. Nei primi secoli successivi alle conquiste romane nel territorio misanese sorsero vari nuclei abitati, specialmente nelle zone dell’Agina, Santamonica e Belvedere e più tardi anche sulle colline retrostanti (Ca'-Gallo, Misano Monte, Terrabianca, ecc.).

Le vicende storiche di Misano, risalenti al 1° millennio dell’era volgare, peraltro offuscate dal tempo e dalla mancanza di validi documenti, si intrecciano con quelle di Rimini che già dal 90 a.C. era diventata Colonia di diritto latino. Tuttavia il nostro territorio assunse una certa importanza allorché vi fu costruita nel 997 la Pieve di Sant’Erasmo, una delle più antiche della zona.

Per oltre due secoli, precisamente dal 1295 al 1528, Misano fu sotto il dominio dei Malatesta che vi fecero erigere un castello di cui non restano, purtroppo, che l’arco d’accesso e parte della torre.

Estintasi la dinastia malatestiana, la Romagna e quindi anche Misano, entrò a far parte dello Stato Pontificio, la cui giurisdizione durò quasi ininterrottamente fino all’unità d’Italia. Fatto memorabile di quel periodo fu la sua erezione a comune autonomo, avvenuta nel 1511, come risulta da un documento tuttora reperibile presso il nostro archivio comunale. In seguito perdette più volte l’indipendenza amministrativa per ragioni finanziarie, dovendosi così appoggiare ora a questo e ora a quel comune limitrofo. Solo nel 1827 la riacquistò definitivamente, distaccandosi da San Giovanni in Marignano. Tuttavia, poco più di un secolo dopo (1935), corse ancora il rischio di perderla a vantaggio del vicino comune di Cattolica, il quale chiedeva l’annessione del territorio misanese per esigenze connesse allo sviluppo turistico di quel centro balneare, già assetato di arenile.

Nel 1938 Con provvedimento del presiedente del Consiglio Mussolini, il paese perdette l’appellativo di “Villa Vittoria” la cui origine risaliva al secolo scorso (1862), per assumere quello di “Misano Adriatico” che tuttora conserva. “Misano è e rimarrà comune autonomo, purché resti comune agricolo”: con questa dichiarazione Mussolini, oltre a garantire l’autonomia amministrativa del paese, ne decretava la vocazione rurale. Tuttavia nell’animo dei misanesi stavano già maturando quei germi che avrebbero radicalmente trasformato il nostro sistema economico.

Poi ci fu la lunga guerra e quindi, la difficile rinascita. Da questo momento la storia di Misano si intreccia con quella del suo sviluppo turistico che, dopo tiepidi albori degli anni trenta, andrà realizzandosi pienamente dopo il trasferimento delle sede comunale (1949) dall’odierna Misano Monte nella zona rivierasca. Quella fatidica e, sotto certi aspetti, sofferta decisione ha prodotto effetti postivi: oggi Misano figura tra le voci del crescente turismo internazionale.

 

Misano oggi

La spiaggia con la sua sabbia finissima ed un sole che l’accompagna dall’alba al tramonto è sicuramente una delle principale attrattive che la città riserva ai suoi ospiti.

La fascia costiera, compresa tra il fiume Conca ed il Rio Alberello, si snoda per circa 3 chilometri. In questo pur breve spazio, palestra per molti di salutari passeggiate mattutine, una selva ordinata di ombrelloni e lettini multicolori e servizi all’avanguardia (Salvataggio, pronto soccorso e guardia medica, pubbliphono, servizi igienici e di custodia dell’arenile, ecc,) garantiscono una balneazione riposante e in tutta sicurezza.


Grazie alle strutture organizzative a terra ed alla qualità dell’acqua di balneazione la spiaggia ed il porto di Misano Adriatico sono stati insigniti più volte della bandiera blu dal Comitato Internazionale e dalla Direzione Ambiente della Commissione della Comunità Europea. Tale riconoscimento è giunto a coronare anni di impegno e coerenza sulle politiche ambientali.
 

Anche recentemente sono stati attuati interventi per il potenziamento ed miglioramento degli impianti di raccolta e di depurazione delle acque reflue che hanno consentito l’eliminazione degli scarichi a mare delle acque nere non solo dell’intero territorio comunale di Misano ma anche dei Comuni posti a monte, prima afferenti del fiume Conca, che oggi possono convogliare, attraverso apposite condotte, le acque di risulta nei depuratori adeguatamente potenziati delle due città costiere Misano e Cattolica.
 

Altri luoghi particolari ed interessanti per pescare o prendere il sole, sono i moli e gli scogli flangiflutto che da qualche decennio si è reso necessario approntare per la salvaguardia dell’arenile dal fenomeno dell’erosione marina.

Per gli amanti delle gite in alto mare e lungo la costa poi sono possibili interessanti escursioni con la motonave che, quotidianamente salpa da Portoverde, il porto turistico di Misano. Quest’ultimo, senz’altro il più attrezzato dal punto di vista turistico di tutto l’Adriatico, è dotato di ogni genere di servizi e di impianti che lo rendono un complesso residenziale di grande prestigio.
 

Il clima infine da aprile ad ottobre è ideale per tutte le età, con una temperatura che nei mesi di luglio ed agosto si aggira attorno ai 30°.